Advantage vola a Cuba

Con la donazione di una Advantage si è conclusa la prima esperienza di Lab 3.11 a Cuba. Il 23 novembre 2014 una delegazione della Lab3.11 è partita alla volta di Cuba, con l’intento di realizzare, insieme alla S.S.D. Volare, ed agli organizzatori del Trofeo della Mole, un grande progetto, destinato ad essere vincente.

“Le Ali Cubane“, questo il nome del progetto. Nasce per sviluppare e promuovere il tennis in carrozzina a Cuba, fornendo supporto tecnico ed ausili per aiutare gli atleti locali a migliorare giorno dopo giorno per raggiungere i migliori risultati.

In veste di sponsor del progetto Le Ali Cubane, abbiamo donato alla Federazione Cubana una carrozzina Advantage. Abbiamo voluto fornire un ausilio concreto, utile, che si potesse adattare perfettamente ad ogni atleta, garantendo quindi la massima resa per ogni singolo giocatore. Noi di Lab 3.11 siamo molto orgogliosi di questo passo, sia perché siamo la prima azienda italiana ad aver compiuto questa impresa, sia perché siamo profondamente convinti della validità di questo progetto, che cambierà la realtà del tennis in carrozzina a Cuba.

Gli atleti cubani, da sempre impegnati nello sport ad alti livelli, sapranno distinguersi anche in questa disciplina.  Siamo certi che, una carrozzina completamente regolabile, adattabile alle diverse esigenze dei singoli individui, come la Advantage, sarà di grande aiuto sia agli atleti che la utilizzano, sia al movimento tennistico per disabili.

E’ stata una settimana intensa e piena di entusiasmo in cui gli atleti cubani si sono allenati anche con la Advantage ed hanno mostrato grinta e voglia di imparare. La settimana si è poi conclusa con un mini torneo: la 1° Coppa Cuba, che ha premiato il vincitore con la partecipazione al Trofeo della Mole, edizione 2015!

L’idea, condivisa con tutti i partecipanti di questo progetto, è di dare continuità a questa iniziativa, per permettere uno sviluppo costante del tennis in carrozzina, consentendo agli atleti cubani di partecipare ai tornei internazionali ed anche con l’obiettivo di riuscire ad organizzare un torneo internazionale a L’Avana, per focalizzare l’attenzione sul movimento disabile cubano.

Un doveroso ringraziamento va a tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo progetto, ed all’Ambasciata cubana, che ci ha accolto ed ospitato per questa interessante e divertente settimana.

Nessun commento ancora

Lascia un commento